Diamanti di Gould, una tra le specie più belle di uccelli esotici

diamanti di gould

Il Diamante di Gould, il cui nome scientifico è Erythura Gouldiae, è un uccello passiforme di ridotte dimensioni che fa parte della categoria degli Estrildidae. Nel momento in cui si parla di Diamanti di Gould bisogna risalire addirittura al biennio tra il 1838 e il 1840, quando questa specie venne scoperta ad opera del naturalista John Gould. In uno dei suoi molteplici viaggi in Australia, Gould ribattezzò con il suo nome proprio questa nuova specie: non lo dedicò a sé stesso, però, quanto piuttosto alla moglie Elizabeth, che era morta da poco tempo. Una delle principali caratteristiche di questo uccello è quello di aver subito diverse volte una riclassificazione che lo ha portato poi ad essere inserito all’interno della categoria dei diamanti asiatici e melanesiani del genere Erythrura.

Dove vivono e le caratteristiche dei Diamanti di Gould

diamanti di gould

Si tratta di una specie che può vantare una notevole diffusione nelle zone settentrionali dell’Australia, visto che è molto diffuso tra la penisola di Capo York fino alla punta ad ovest nella regione di Kimberley. L’ambiente tipico di questi uccellini corrisponde a dei luoghi molto caldi e decisamente soleggiata, in cui il tasso di umidità è sempre molto elevato. L’habitat ideale è sempre molto ricco di praterie, ma anche tanti arbusteti e delle zone d’acqua dolce in cui i Diamanti di Gould si possono dissetare. Per quanto riguarda le dimensioni, questi uccelli sono lunghi tra i 13 e i 15 centimetri, inclusa ovviamente la coda. Le femmine, invece, presentano delle dimensioni inferiori in confronto ai maschi, ma sono anche molto più snelle. A proposito di specie particolari: scoprite il Drago Barbuto!

L’alimentazione in cattività

diamanti di gould

Nel momento in cui viene allevato in cattività, si impara ben presto a conoscere i gusti particolarmente esigenti di questo uccelletto. Tranne nel caso in cui venga abituato fin da piccolo, il Gould tende ad evitare la frutta, così come la verdura, ma anche i vari preparati misti per esotici che sono troppo elaborati. E, attenzione, visto che spesso è in grado di rifiutare anche il pastoncino. E allora cosa fare in questi casi? Si consiglia di prediligere sempre una dieta molto semplice, propendendo soprattutto degli ottimi misti per esotici, ma vanno benissimo anche osso di seppia ed un pastoncino di buon livello. Si suggerisce anche di garantire ogni tanto un po’ di proteine di origine animale. Si possono usare, per questo scopo, i gammarus tritati (non sono altro che i tipici gamberetti che vengono essiccati e che rappresentano il mangime ideale per le tartarughe d’acqua), anche se i Gould tendono a non abbuffarsi, a differenza invece del criceto Roborovsky.

Come si deve allevare

diamanti di gould

Generalmente si suole parlare di questo uccellino come di un volatile davvero molto delicato. Infatti, sembra che sia soggetto molto facilmente a contrarre malattie ed è veramente impegnativo mantenerlo sempre in perfetta salute. In realtà, però, si tratta semplicemente di uno dei tanti luoghi comuni che riguardano il Diamante di Gould. Infatti, sono le cure eccessive degli umani che portano poi allo sviluppo di patologie, dal momento che questi uccellini presentano un buon livello di resistenza, robustezza e adattabilità. Chiaramente ci sono degli aspetti su cui non bisogna mai transigere, ovvero gli sbalzi elevati di temperatura, senza dimenticare anche i colpi di vento e le temperature particolarmente rigide, che rappresentano i principali pericoli per i Diamanti di Gould.

Carattere e comportamento

Il Diamante di Gould presenta un carattere piuttosto pacato e tranquillo. A testimonianza di questo suo aspetto tranquillo, dobbiamo sottolineare come possa convivere senza particolari problemi con tanti altri esemplari di uccelli esotici, come ad esempio i Passeri del Giappone, ma anche altri estrildidi. Si consiglia, però, di non mettere nella stessa gabbia dei Diamanti di Gould e dei Diamanti Mandarino: il motivo è facile da intuire, dato che quest’ultima specie è decisamente più movimentata e chiassosa e potrebbe chiaramente scontrarsi facilmente con l’indole pacifica e tranquilla dei Gould. Il canto di questi splendidi uccellini è sempre molto elegante e leggero.

Come avviene la riproduzione

diamanti di gould

Una delle ragioni per cui questi uccellini esotici vengono considerati complicati da allevare è relativa proprio alla presunta difficoltà circa il processo di riproduzione. Ebbene, la caratteristica principale dei Diamanti di Gould, che balza all’occhio in pochissimo tempo, è quella di essere degli uccelli piuttosto lunatici. Il motivo? Nel corso della fase della riproduzione non dimostrano alcun tipo di certezza. Quindi, può essere che un giorno la coppia continui a litigare senza sosta, stando completamente alla larga rispetto al nido. E al tempo stesso, può succedere che solamente 24 ore dopo, i due vadano in simbiosi, corteggiandosi e preparando il nido. Insomma, si passa dall’amore all’indifferenza nel giro di pochissimo tempo. Ci sono certe coppie che arriva a deporre le uova per poi lasciarle al loro destino. In altri casi le coppie covano in maniera costante le uova, ma nel momento in cui nascono i pulli non provvedono a cibarli a dovere e non fanno niente per salvare la loro vita. In altri casi può capitare addirittura che la coppia butti fuori dal nido i piccoli addirittura già qualche ora dopo il parto. Ancora in altre occasioni può succedere che i pulli vengano sfamati per pochi giorni e poi lasciati al loro amaro destino. Di conseguenza, si tratta di uccellini che hanno bisogno di attenzioni e cure costanti per poter rendere al meglio, specialmente nel corso del periodo della riproduzione. Come favorirla, però? È semplice, garantendo loro un ambiente che sia il più possibile riservato e tranquillo. La scelta del nido dovrebbe ricadere sempre sulla tipologia “a doppia camera“. E magari evitate che si aggirino nei pressi della gabbia dei cani da appartamento

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *